Come fare

Attacchi di panico: ecco come aiutare chi ne soffre

Vediamo alcune semplici linee guida pratiche su cosa fare - e come aiutare - chi soffre di questo disturbo.

Aiutare un amico o un parente a gestire attacchi di panico può essere davvero ostico. Molto spesso capita di non sapere come comportarsi per aiutare davvero chi abbiamo di fronte.

ATTENZIONE!  In questo articolo cercheremo di fornire alcune linee guida per dare un primo aiuto, ma la raccomandazione generale è di farsi sempre aiutare da personale medico qualificato.

1. Capire cosa succede

Il primo passo da affrontare è capire a fondo cosa sta attraversando chi ne soffre.

Le persone con disturbo di panico hanno improvvisi e ripetuti attacchi di paura che durano per alcuni minuti, fino ad un'ora, ma raramente oltre, perché il corpo semplicemente non ha abbastanza energia per mantenere il panico tutto quel tempo. Gli attacchi di panico provocano un particolare grado di eccitazione che fa sentire l'individuo come se non avesse il controllo del proprio corpo. E' importante fare attenzione anche ad eventuali attacchi nervosi violenti, pertanto fate attenzione. 

2. Osservare i sintomi

Identificare correttamente i sintomi è una fase delicata ma sicuramente da effettuare con il maggiore grado di accuratezza possibile. Ecco quelli più comuni:

  • Palpitazioni 
  • Iperventilazione
  • Tremolii
  • Eccessiva sudorazione 
  • perdita temporanea dell'udito o privazione sensoriale
  • Crampi addominali
  • Nausea
  • Mal di testa

3. In caso di dubbi chiamare i soccorsi

Molti dei sintomi possono essere confusi con altri tipi di malattie/stati fisici pertanto il consiglio generale qualora non sappiate cosa fare è accertare la situazione chiamando i soccorsi (loro sapranno cosa fare).

4. Scopri le cause dell'attacco

Parla con l'individuo e determina se lui o lei sta avendo un attacco di panico o un altro tipo di emergenza medica (come ad esempio infarto). Tieni conto che in alcuni casi il soggetto non è in grado di determinare immediatamente la causa diretta dell'attacco o non è coscente abbastanza da rendersi conto del suo stato. 

5. La zona di tranquillità

Crea una zona di tranquillità attorno al soggetto, cercando di liberare tutto ciò che potrebbe opprimerlo nelle vicinanze (folla, pericoli etc). Non toccare il soggetto se non dopo aver ottenuto il suo esplicito consenso.

6. Consigli su come dialogare con chi sta male

15015959568314-attacchi-di-panico.jpg

E' importante durante il dialogo far distrarre il soggetto cercando di deviare la sua attenzione su qualche cosa di concreto e reale. Mentre gli parlate cercate sempre di non distogliere lo sguardo e cercate di esprimere sicurezza e calma.

7. Non minimizzate il problema

Uno degli errori più comuni, di solito commessi proprio da chi si ha più vicino, è quello di minimizzare il problema dicendo "Si andrà tutto bene", "vedrai che passa" etc. Per chi ha un attacco di panico la paura è reale in quel momento e il suo stato non è aperto a ulteriori intepretazioni. Pertanto peggiorereste solo la situazione.

8. Frasi da non dire

Non dire mai frasi del tipo: "calmati" oppure "non c'è nulla di cui aver paura". Queste frasi aumentano solo la percezione di panico. Dite piuttosto: "capisco cosa provi, sono qui per aiutarti", oppure "sono qui per te la supereremo insieme", "sei al sicuro", sono tutte frasi da dire e che possono fare davvero la differenza.

9. Non fate pressioni

Non forzate mai qualcuno che sta avendo un attacco di panico. Non otterreste nessun risultato e in più amplificherete la sua ansia. Se la persona non vuole parlare in quel momento dategli il tempo necessario per riprendersi , standogli sempre vicino.

10. Controllo della respirazione: ecco come fare

Una tecnica molto usata in casi di attacchi di panico è quella del controllo della respirazione. In caso servisse, agite come segue:

  • Contate i respiri, facendoli dire ad alta voce a chi sta avendo l'attacco. Iniziate a contare fino a un massimo di due e ricominciate. Dopo poco aumentate il numero totale fino a 4 e così via.
  • Dategli un sacchetto di carta ( o qualcosa di simile) e fatelo respirare al suo interno, con dei respiri profondi.

11. Consigli generali

Ecco alcuni consigli utili generali per aiutare chi soffre di un attacco di panico:

  • Passate uno straccio freddo o bagnato sul viso e collo del soggetto
  • Non lasciatelo mai da solo 
  • Aspettate se necessario o non è pronto a parlare
  • Una volta passata l'emergenza, aiutatelo a cercare la giusta terapia medica per aiutarlo a prevenire eventuali attacchi futuri.
  • In generale avere attacchi di panico è del tutto normale per chiunque, se li avete non allarmatevi troppo e cercate le cause reali delle vostre paure.

Spero che questo articolo sia utile. Se ti è piaciuto condividilo sui tuoi socials network preferiti!

Image credits @Shutterstock

Leggi altre guide

Continuando la navigazione accetti la politica Cookie e Advertising del sito.